Disabilitare l’immobilizzatore AS10

Gli appassionati del Defender, e del marchio Land Rover in generale, sono molto conservatori e ogni qualvolta che esce un nuovo modello si scatena la caccia al difetto invece di prendere in considerazione le migliorie.
Il TD5 è stato sicuramente uno dei modelli che più hanno sofferto questa situazione per via dell’impiego di molti componenti elettronici prima sconosciuti. La non conoscenza è stata di fatto l’unico vero tallone di Achille perché alla fine, dopo che è stato in produzione per molti anni, anzi la motorizzazione più longeva in casa L.R., si può affermare che l’elettronica di cui è equipaggiato questo grande motore è sicuramente molto affidabile.
I problemi che si sono riscontrati sono stati più di natura elettrica che elettronica ma i meccanici tradizionali, già spesso a digiuno della prima hanno fatto prima a bollare il TD5 che a studiarlo per capire come risolvere alcuni difetti di gioventù.
Tra i tanti fantasmi il più temuto, almeno per chi usa il Defender per viaggiare è l’immobilizzatore.
Anche in questo caso l’antifurto non ha mai creato grossi problemi, qualcuno è rimasto in panne nei pressi di grossi campi elettromagnetici, nei pressi di grossi elettrodotti, ad esempio, però nulla di veramente irrisolvibile al momento.
Ciò premesso, molti si sono rivolti a specialisti del settore per rimuovere l’antifurto, anche momentaneamente, giusto il tempo per effettuare un viaggio.
Con l’avvento del Nanocom questa operazione è possibile farla in totale autonomia, basta modificare alcuni parametri.
Per incominciare sconsiglio vivamente di cambiare l’impostazione del paese, come spesso suggerito, perchè non si ha un reale controllo di quali parametri si vanno a modificare.
Per la gestione dell’antifurto è possibile utilizzare il Nanocom a motore acceso o spento in modo indifferente, dopodiché è sufficiente accedere al menu AS10 e poi alla funzione READ SETTING ed impostare i parametri PLIP IMMOBILIZE e PASSIVE IMMOBILIZER su DISABLED.  Ricordarsi di salvare i nuovi valori tramite la funzione WRITE SETTING. Per verificare che l’operazione sia andata a buon fine si deve chiudere le portiere della macchina, attendere alcuni minuti, e senza avere nelle vicinanze il telecomando accendere il motore; se questo avviene l’immobilizzatore è disattivato. Una considerazione finale molto importante: anche se l’immobilizzatore è disabilitato, la centralina principale dialoga sempre con la centralina AS10 dell’antifurto tanto che se quest’utlima si dovesse rompere il motore non partirebbe comunque. Non conosco casi di centraline AS10 guaste però per essere veramente certi di non avere problemi tra i ricambi ci dovrebbe essere una centralina AS10.  Scrivo questo per dare un’informazione completa.
Precedente Riconoscimento telecomando Successivo Rilevatore temperatura dei gas di scarico